Presentiamo il case study di un nostro cliente che ha intrapreso un percorso formativo coinvolgendo i suoi area manager per permettere loro di acquisire una maggiore consapevolezza rispetto alle loro competenze manageriali e applicarle in maniera più efficace. 

Un nostro Cliente, azienda specializzata nella ricerca, sviluppo e commercializzazione di prodotti farmaceutici, ha intrapreso con IG Academy un percorso formativo rivolto ai suoi area manager. Lo scopo della formazione è stato quello di permettere ai partecipanti, figure provenienti dal reparto commerciale, di rafforzare e consolidare le proprie competenze ed il proprio ruolo manageriale. 

Allo scopo di realizzare percorsi specifici rispetto alle esigenze e all’esperienza dei partecipanti, essi sono stati creati due percorsi formativi: Management Basic, finalizzato allo sviluppo di una più profonda consapevolezza manageriale, all’acquisizione di competenze di gestione e comunicazione in linea con la propria personalità e alla conoscenza e la relativa applicazione di efficienti pratiche organizzative e Leadership, maggiormente orientata alla gestione efficace di un team di lavoro. Affronteremo in maniera più approfondita questi aspetti in un articolo successivo. 

Durante i tre giorni di formazione di Management Basic, tenutasi in presenza, gli argomenti affrontati sono stati molteplici, tutti riconducibili agli obiettivi stabiliti in fase preliminare.

 

Approfondisci anche: Congiunzione di teoria e pratica: la metodologia formativa ibrida

Sviluppo di competenze manageriali: le tre giornate di formazione

Nel corso della prima giornata, infatti, i partecipanti hanno avuto modo di conoscere l’evoluzione storica degli stili di management, riflettendo, insieme ai docenti, sul ruolo che ricopre oggi un manager all’interno di un’organizzazione, qual è il suo compito (analizzare la complessità, semplificandola e – laddove possibile – innovandola) e quali competenze deve possedere. Proprio la definizione e l’identificazione delle hard e soft skill necessarie per ricoprire il ruolo di manager sono state il punto di partenza di una serie di esercitazioni individuali. Si è trattato di esercizi di autoanalisi volti ad una maggiore presa di consapevolezza rispetto alle proprie competenze, ai comportamenti messi in atto sul luogo di lavoro e alle dinamiche da essi generate. In conclusione della prima giornata di lavoro, i partecipanti sono stati invitati a disegnare il proprio “albero delle competenze” e presentarlo ai colleghi, identificando in questo modo tutti gli elementi della propria expertise manageriale

L’incontro della seconda giornata aveva invece l’obiettivo di aiutare i partecipanti a riconoscere il proprio stile manageriale. Anche in questa occasione, ad un approfondimento teorico sui sei stili manageriali esistenti (visionario, coach, affiliativo, democratico, battistrada, autoritario) è stata affiancata un’esercitazione pratica, finalizzata all’identificazione dei tratti dominanti del proprio stile e stimolare una riflessione sull’efficacia e le opportunità di miglioramento. I docenti hanno poi incentivato un dibattito sulle modalità più efficaci di applicare i differenti stili, a seconda del contesto e soprattutto, della personalità e dei colleghi con i quali ci si interfaccia. L’obiettivo di un coach, infatti, è sempre quello di valorizzare i propri collaboratori, facendo  emergere le potenzialità che già esistono, ma che sono latenti.

Infine, il terzo incontro ha fornito agli area manager spunti pratici relativi all’applicazione, nel concreto, delle conoscenze apprese durante le giornate di formazione precedenti. I docenti hanno quindi affrontato il tema dell’empowerment, il processo attraverso cui si persegue lo sviluppo del potenziale individuale e di squadra, evidenziando come, all’interno di un processo di crescita del singolo e del team, risulti essenziale la capacità coinvolgere e motivare il gruppo attraverso l’identificazione di obiettivi condivisi e realizzabili, oltre che tramite uno stimolo del processo di delega, che accresca il senso di responsabilità verso il proprio ruolo. 

A conclusione del percorso di formazione, i docenti hanno lasciato uno spazio destinato alla condivisione, individuale e di gruppo, di impressioni e riflessioni sul percorso intrapreso. Gli area manager hanno dunque avuto l’opportunità di raccontare cosa hanno imparato su di sé, sull’azienda e sui colleghi. Infine, ogni partecipante ha redatto in forma scritta una proposta di tre obiettivi individuali su cui lavorare per crescere come manager e rafforzare le proprie competenze manageriali. 

Continua a leggere