La scelta tra cambiare lavoro o restare nella stessa azienda per lungo periodo,  puntando alla mobilità interna, dipende molto dalle circostanze personali e professionali di ogni persona. Entrambe le scelte presentano diversi vantaggi, ma anche alcuni lati negativi, per cui diventa fondamentale valutare attentamente le proprie priorità e obiettivi di carriera. Ne parliamo in questo articolo.

Primo passo: fai il punto della situazione

Se ti trovi in una situazione in cui senti di voler cambiare qualcosa nella tua vita professionale, ci sono diverse strade che potresti valutare. Ad esempio, potresti metterti a cercare nuove opportunità di lavoro oppure informarti se nella tua azienda ci sono le possibilità di mobilità interna. Entrambe le opzioni sono molto valide ma, prima di prendere una strada piuttosto che un’altra, cerca di fermarti un attimo e di riflettere bene su quelli che sono i tuoi obiettivi personali e le tue ambizioni professionali. Quale è stata la tua esperienza pregressa? Quali sono le tue competenze acquisite e quelle ancora da sviluppare?

Una volta fatta quest’analisi, ti sarà più facile decidere se nel tuo caso sarebbe più auspicabile cambiare totalmente lavoro o se optare per la mobilità interna presso la stessa azienda. Ma cerchiamo di capire meglio in cosa consiste la mobilità interna.

Mobilità interna: un’evoluzione professionale in azienda

Cambiare lavoro senza cambiare azienda: si tratta di mobilità interna in azienda. Si tratta infatti della possibilità per i dipendenti di cambiare la posizione lavorativa presso la stessa azienda. Ciò significa che, grazie alla mobilità interna, potresti passare da una funzione all’altra, presso la stessa area funzionale o in un’altra, in base alle tue competenze e le necessità dell’azienda. In questo modo, avresti l’opportunità di cambiare ruolo, di sviluppare ulteriormente le tue competenze o, per esempio, di rafforzare ulteriormente i rapporti con i tuoi colleghi. Vediamo più nel dettaglio tutti i pro e i contro della mobilità interna:

I vantaggi della mobilità interna

  • la conoscenza approfondita dell’azienda e delle sue peculiarità;
  • la possibilità di esplorare un nuovo ruolo e di sviluppare nuove competenze;
  • l’opportunità di avanzamento di carriera;
  • nessun periodo di prova da dover affrontare;
  • continuare a collaborare con i propri colleghi.

Gli svantaggi della mobilità interna

  • nessun cambiamento in termini di ambiente di lavoro;
  • sviluppo di competenze limitato all’ambiente aziendale;
  • limitate opportunità di aumento salariale;
  • minori possibilità di acquisire nuovi contatti professionali.

Mobilità esterna: cambiare lavoro, azienda, settore

Invece, cambiare lavoro può essere un’opzione allettante per te se sei alla ricerca di nuove sfide, di maggiori responsabilità o di un ambiente di lavoro diverso. Il cambiamento può portare anche a un aumento salariale o, ad esempio, a un miglior equilibrio tra vita privata e lavoro. Nel caso della cosiddetta “mobilità esterna” gli scenari che potresti valutare sono diversi, per esempio:

  • potresti optare per un’opzione più radicale, cambiando il settore;
  • oppure cambiando la professione, riqualificando le tue competenze.

I vantaggi della mobilità esterna

  • scoprire un nuovo ambiente di lavoro;
  • esplorare un nuovo settore;
  • acquisire nuove conoscenze e competenze;
  • imparare nuovi metodi di lavoro;
  • maggiori opportunità di carriera;
  • migliorare le prospettive finanziarie;
  • crescita personale;
  • estendere la propria rete professionale.

Gli svantaggi della mobilità esterna

  • il senso di incertezza;
  • dover adattarsi a una nuova azienda e a un nuovo ambiente di lavoro;
  • affrontare il periodo di prova;
  • insicurezza economica

Mobilità interna o esterna: restare o cambiare?

Non ti diremo quale sia la scelta migliora tra cambiare lavoro o crescere all’interno della stessa azienda. Non c’è una regola valida per tutti, e tutto dipende dalle preferenze e dalle esigenze personali e professionali di ciascuno di noi. È importante che valuti attentamente tutte le opzioni che hai a disposizione, anche avvalendoti di un supporto professionale di Recruiter o di un consulente del lavoro, e prendi una decisione ponderata in base ai tuoi obiettivi di carriera a lungo termine.

Leggi anche: Power skills: le 5 competenze chiave più richieste entro il 2026

Continua a leggere