In collaborazione con un cliente, azienda che si occupa della vendita di prodotti per l’acquisizione delle immagini e per la stampa, oltre che di robot per l’automazione industriale, IG Academy ha organizzato un Inspiring Workshop in collaborazione con la mezzofondista Najla Aqdeir, con l’intento di proporre ai dipendenti dell’organizzazione un’opportunità di apprendimento innovativa e disruptive. 

Dalla pista all’azienda: l’inspiring workshop con Najla Aqdeir

Do it your way: lo sport come leva motivazionale” è stato un workshop ispirazionale della durata complessiva di due ore, che ha visto salire sul palco virtuale Najla Aqdeir, atleta ventisettenne di origine libica che, riportando la propria esperienza, ha raccontato come lo sport l’abbia aiutata ad affrontare situazioni di difficoltà, anche profonda.  

Najla e la sua famiglia arrivano in Italia nel 2005, quando la giovane ha solo 9 anni. Ambientarsi non è facile, così come convivere con una famiglia che fatica ad accettare il suo stile di vita “troppo occidentalizzato”. È grazie al mondo dello sport e, in particolare, all’atletica leggera, che Najla troverà un suo riscatto e la via verso la felicità. Mezzofondista, attualmente in forza alla Sprint Academy, proprio in questi mesi la 27enne sta lavorando per il suo prossimo obiettivo: Olimpiadi di Parigi 2024.

Leggi anche: Workshop ispirazionale: interpretare i cambiamenti di mercato

Il workshop ha voluto essere un’occasione di crescita personale, oltre che professionale: attraverso lo storytelling di un’esperienza unica, come quella di Najla, infatti, i partecipanti hanno avuto la possibilità di entrare in contatto con un universo, con una mentalità e con delle regole – quelle del mondo sportivo – piuttosto lontane da quelle alle quali sono abituati. 

Attraverso l’utilizzo di strumenti inediti, i partecipanti hanno capito quale sia la mentalità più efficace per uscire dalla propria zona di comfort e abbracciare senza timore le sfide del quotidiano. È solo adottando il giusto mindset che si può imparare a gestire i fallimenti e gli errori, accettare il cambiamento, affermare se stessi trovando un equilibrio e una serenità nella sfera privata ancor prima che in quella lavorativa. 

In conclusione al proprio speech, l’atleta ha lasciato ai partecipanti alcuni strumenti “pratici”, suggerendo cinque consigli, tratti dalla propria esperienza sportiva personale, che potranno rivelarsi utili per lavorare su come aumentare la motivazione, migliorare le proprie performance e acquisire una maggiore consapevolezza delle proprie capacità. 

La formazione ispirazionale come leva disruptive per la propria organizzazione

Gli inspiring workshop sono strumenti sempre più utilizzati dalle organizzazioni lungimiranti e attente al benessere dei propri dipendenti. Si tratta di una formazione diversa da quella più “tradizionale”, la quale è volta a incrementare le competenze e le hard skill del proprio personale. Quella ispirazionale è un tipo di formazione più “democratica” aperta a tutti i dipendenti, indipendentemente dalla loro posizione all’interno dell’azienda, che si dimostra in grado di favorire la crescita umana e professionale e, parallelamente, anche quella dell’organizzazione.

Continua a leggere